Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (3)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
FORMAZIONE
UN UNICO DANZARE
Un percorso per imparare a stare vicini. Progetto tra teatro, danza e arte per bambini dai 3 an...
20 Maggio - 21:00 h.
TEATRO AL PARCO
PORTA DEI SOGNI
I ragazzi delle scuole di Via Toscana portano in scena le loro paure e le loro speranze
Altre Lingue:     

GUARDA SOPRA LE FOTO DI GIUSEPPE BIGLIARDI

<All’inizio chiedevo: ragazzi, cosa volete fare da grandi, che sogni avete? Ma loro non rispondevano, o ribattevano “perché ce lo chiedi”? Noi adulti a volte incaselliamo tutto, e così non permettiamo ai giovani di sbagliare, di provarci. E alimentiamo la paura di non farcela>. L’attore Savino Paparella ha guidato per quattro mesi con la coreografa Elisa Cuppini 22 adolescenti, selezionati da 10 classi quarte del polo di Via Toscana, in un laboratorio teatrale che ora sta per diventare uno spettacolo, <Porta dei sogni>, che debutta venerdì 20 maggio alle 21 al Teatro al Parco (ingresso libero). Tutto è iniziato a novembre grazie al progetto Giovani e intercultura: un anno di dialoghi’,  ideato dall’associazione di solidarietà e cooperazione internazionale LVIA, dal Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, dal Liceo “A. Bertolucci” e dalle altre scuole del polo di Via Toscana, con il finanziamento del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio e il contributo dell’Assessorato al benessere e alla creatività giovanile del Comune di Parma.                                                                     

Identità e differenze, cittadinanza e diritti, gestione non violenta dei conflitti. Il laboratorio ha chiamato a declinare questi temi, con il sostegno della concretezza e della forza emotiva del teatro, 22 ragazzi che esprimono alla perfezione il mosaico interculturale dell’Italia di oggi: Sakina Abaz, Zeinab Abdalla Abdalla Elmekawy, Matteo Anzellotti, Connie Bastone, Gea Bianchi, Cecilia Di Cosmo, Nunzia Federico, Agata Fellini, Ruben Impraim, Pierluigi Iori, Sandra Laura, Mirko Maggiore, Chiara Mangiavacca, Ilenia Marini, Giacomo Marzi, Elena Picchi, Lorenzo Pirondi, Gurpreet Singh, Jagsimran Jit Singh, Mandeep Singh, Mehdi Sitel, Michele Zoccano.

Savino Paparella e Elisa Cuppini firmano regia e drammaturgia dello spettacolo. Luci ed elaborazione fonica sono di Dario Andreoli. Il fotografo Giuseppe Bigliardi ha realizzato un ricchissimo reportage per immagini che documenta minuto per minuto l’esperienza umana vissuta dai ragazzi durante tutte le fasi progettuali. Più di 2000 scatti che dopo un’attenta selezione diventano ora una mostra nel foyer del Teatro al Parco, dove sono stati allestiti 14 grandi pannelli che contengono ciascuno un montaggio di fotografie.

La scena è divisa dalla ‘porta dei sogni’ del titolo, una porta che non si apre mai e che è quella che i ragazzi devono aprire per superare un passaggio della loro vita, metafora della transizione dall’adolescenza all`età adulta, ma non solo. E’ anche il diaframma che impedisce di accedere (o di comprendere) alle proprie aspirazioni. I sogni, appunto. Quei sogni che i ragazzi all’inizio dello spettacolo scriveranno su sassi che consegneranno simbolicamente agli spettatori. Sono i sogni che devono avere il tempo per coltivare. <Non lo sappiamo ancora chi siamo, cosa ci piace e cosa non ci piace, perché non ci lasciate il tempo di vivere le cose?” dice a un certo punto Gea. Quel che è certo è che, racconta Savino Paparella, <durante questi mesi ho assistito a una straordinaria crescita della capacità di accettare e ascoltare l’altro e del senso di compattezza del gruppo: una unione di tutti che nasce dalla sensazione che nessuno è inutile e tutti hanno un contributo da dare per far crescere l’insieme>. E questo senso del collettivo si è sviluppato grazie alle tecniche del fare teatro insieme, agli esercizi specifici e alla condivisione delle varie fasi del lavoro.

<I risultati del progetto - racconta la coordinatrice Ilaria Allegri -  sono eccellenti, il progetto deve andare avanti. Molti insegnanti mi hanno chiesto se continuerà il prossimo anno perché hanno potuto verificare l’impatto positivo dell’esperienza che il gruppo vive sul palcoscenico. I ragazzi ne parlano coi compagni, qualcuno è “riconosciuto” in classe per le capacità che sta dimostrando. E’ cresciuta l’apertura verso gli altri, la fiducia in se stessi>.

Informazioni tel 0521 964803 begin_of_the_skype_highlighting            0521 964803      end_of_the_skype_highlighting, www.solaresdellearti.it/teatrodellebriciole


 

Altri
Dal 27 al 28 Novembre
SAPORE DI SALE
Dai 4 anni. La Compagnia La Baracca racconta l`odissea ...
Vedi
27 Novembre
SIMPOSIO DEL SILENZIO
La Compagnia Oltrenotte inscena una favola sulla precar...
Vedi
4 Dicembre
ANTICHI MAESTRI
Da Thomas Bernhard, un feroce divertissement verso quel...
Vedi
5 Dicembre
LA MIGRAZIONE DEGLI ANIMALI
Vedi
11 Dicembre
AU DE-LA DU MUR
Vedi
12 Dicembre
SONIA E ALFREDO
Vedi
Dal 17 al 18 Dicembre
THE BARNARD LOOP
Vedi
19 Dicembre
NASO D`ARGENTO
Vedi