Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
I SOGNATORI AD ASTITEATRO
Applaudita la nuova produzione firmata da Manuela Capece e Davide Doro che è stata ospite il 29 ...
Appuntamenti in agenda (1)
Dal 29 Novembre al 5 Dicembre  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
KILLER JOE
In prima visione a Parma. Matthew McConaughey è un killer gentiluomo nel film "maledetto" firmato dal regista de "L`esorcista" e "Il braccio violento della legge"
Altre Lingue:     
29, 30 novembre
1,2, 5 dicembre ore 21.15
3,4 dicembre riposo

KILLER JOE

Un film di William Friedkin
Con Matthew McConaughey, Emile Hirsch, Thomas Haden Church, Gina Gershon, Juno Temple.
Titolo originale Killer Joe.
Commedia, durata 103 min. USA 2011
VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI

Ogni vita ha un prezzo? E` questa la domanda che si pone il ventiduenne Chris Smith (Emile Hirsch), uno spacciatore di mezza tacca che sogna di fare il grande colpo. Quando tutta la merce di Chris sparisce perché gli viene sottratta dalla madre, lui è costretto a trovare 6.000 dollari al più presto, oppure sarà un uomo morto. In preda alla disperazione, chiede aiuto a suo padre, Ansel (Thomas Haden Church) e insieme mettono a punto un piano terribile. Il piano: la madre di Chris ha una polizza di assicurazione sulla vita che potrebbe coprire ampiamente il debito di Chris. Il problema: per poter incassare il premio lei dovrebbe morire. E qui entra in scena l’agente Joe Cooper (Matthew McConaughey), un infido killer dal fascino e i modi di un gentiluomo del Sud. "Killer Joe" è più che lieto di fare il lavoro, ma Joe non preme nessun grilletto senza i suoi 25.000 dollari di compenso, che devono essere versati tutti in anticipo.

William Friedkin, lo stesso di «Il braccio violento della legge» e «L`esorcista», a 73 anni suonati è ancora in grado di mettere in scena con impeccabile coerenza un noir torbido, feroce, nichilista nonché titolare di un ventaglio di sequenze che andranno dritte nel pantheon del genere. Tanto per andare al sodo, per esempio, non è un caso che l`umiliazione sessuale inflitta in sottofinale con l`ausilio di un trancio di pollo sia diventata subito di culto grazie ai festival e ai paesi in cui Friedkin ha già divulgato il suo pulp senza via di scampo. [...]
Valerio Caprara, Il Mattino