Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
8 Maggio - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
IN NOME DEL PADRE
I registi Donato Nuzzo e Fulvio Rifuggio, presenti in sala, incontrano il pubblico e raccontano com`è nato il loro film, che racconta una storia poco conosciuta: l’esodo italiano in Svizzera del dopoguerra
Altre Lingue:     
IN NOME DEL PADRE
di Donato Nuzzo, Fulvio Rifuggio

La povertà, la fame, la scelta obbligata dell’emigrazione, il viaggio in un treno che sembra un carro bestiame, l’arrivo in un paese inospitale. «In nome del padre», il film documentario in programma al Cinema Edison d’essai l’8 maggio alle 21.15, racconta tutte le tappe di una pagina poco conosciuta della storia italiana recente, quella dolorosa dell’emigrazione italiana in Svizzera a partire dalla metà degli anni ’50. I registi, Donato Nuzzo e Fulvio Rifuggio, presenti in sala, incontrano il pubblico e approfondiscono i temi affrontati nel film.

«L`opera  - spiegano gli autori - focalizza la sua attenzione, attraverso le interviste agli stessi emigranti, sulle condizioni di vita, sociali, economiche e culturali, dei nostri connazionali partiti per lavorare in terra elvetica. Il lavoro è composto da riprese e interviste effettuate sia in Italia, con precise ricostruzioni storiche in Puglia, sia in Svizzera, nei Cantoni Glarus e Zug, con particolare attenzione all`odierna situazione che vivono quotidianamente gli emigranti rimasti lì a vivere e lavorare».

Il film ripercorre le diverse fasi attraversate dall’emigrazione italiana in Svizzera. Le difficili condizioni di vita dei ceti popolari in vaste zone dell’Italia negli anni Cinquanta, l’abbandono della terra natale, l’angoscioso viaggio in treno, l’iniziale accoglienza ostile della popolazione ospitante, il lavoro duro, la presa di coscienza dei propri diritti e la fondazione dei centri italiani in Svizzera, il miglioramento della situazione con l’arrivo della seconda ondata migratoria negli anni Settanta.

Il film, prodotto dall’associazione onlus di musica e cultura “A.B.Michelangeli”, è stato realizzato con il contributo essenziale di Dieter Bachmann, Presidente dell`Istituto Svizzero a Roma dal 2000 al 2003.
   
Biglietti euro 5.

Informazioni tel 0521 964803, www.solaresdellearti.it/cinema.