Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (9)
RASSEGNE E FESTIVAL
Thursday 01 January
STAGIONE GENNAIO - APRILE 2022
Tutti gli appuntamenti della seconda parte della stagione 2021/2022.
Tutte le rassegne e festival (1)
FORMAZIONE
UN UNICO DANZARE
Un percorso per imparare a stare vicini. Progetto tra teatro, danza e arte per bambini dai 3 an...
Dal 12 al 13 Febbraio  - 21:00 h.
ORSON WELLES` ROAST
Giuseppe Battiston, uno dei migliori attori di oggi, e il suo omaggio irriverente a una leggenda del `900: il narcisismo, i desideri, le manie del creatore di `Quarto Potere`. E all`Edison il 9 febbraio c`è `Othello`, trasposizione shakespeariana di culto
Altre Lingue:     


ORSON WELLES` ROAST

scritto da Michele De Vita Conti e Giuseppe Battiston
con Giuseppe Battiston
musica originale Riccardo Sala
aiuto regista Elia Dal Maso
regia Michele De Vita Conti

direzione tecnica Claudio Parrino

amministrazione Betti De Martino

aiuto tecnico Paolo Raimondo

produzione Fondazione Teatro Piemonte Europa

in collaborazione con IMAIE


Premio Olimpici del teatro 2009 per il miglior interprete di monologo

Premio Hystrio - Teatro Festival Mantova 2009


Abbiamo provato ad evocare il grande maestro, per avere occasione di rendergli omaggio. E la forma più opportuna per farlo, ci è sembrata quella del “roast”, che potremmo qui tradurre, più che letteralmente come “arrosto”, come “elogio al contrario”. Un feroce panegirico che i potenti e le celebrità, soprattutto nei paesi anglosassoni, si autoinfliggono, tramite amici e colleghi, per celebrare le grandi occasioni.

Abbiamo cercato anche di immaginare come sarebbe un breve incontro con Orson Welles, se potesse, solo per un’ora, tornare a stare tra noi.
Genio infinito e grandissimo cialtrone. Senza nulla da nascondere, con ancora moltissimo da offrirci, per sempre in grado di stupirci.

Michele De Vita Conti e Giuseppe Battiston


Mitico. Con quella sua stazza corpulenta, la barba, il sigaro, e il parlare tronfio e sornione, il friulano Giuseppe Battiston incarna un omaggio scellerato e beffardo a Orson Welles (...) un cameo da fuoriclasse, da peso massimo corrosivo ed eccessivo. L`attore è superbo nei panni d`un genio sottoposto alla graticola. Non a caso si intitola Orson Welles` Roast...
Rodolfo di Giammarco, La Repubblica 22 giugno 2009


(...) La sua sorprendente adesione al personaggio, che quasi trascende la mera immedesimazione, passa in gran parte da un linguaggio del corpo: non tanto il peso, né la rotondità delle forme, ma una sorta di morbida pinguedine interiore, suggerita, ancor più che dalla pancia, dal sigaro che fuma, dall`accappatoio che indossa, dall`indolente accento americano che sfoggia.
Il monologo, costruito in larga misura su stralci di interviste rilasciate nel tempo da Welles, e integrate da improvvisazioni dello stesso Battiston, parte non a caso da riflessioni sul cibo (folgorante la battuta iniziale: "il medico mi ha proibito di preparare cene per quattro persone, a meno che a tavola non ci siano anche gli altri tre") per poi parlare via via del suo amato Falstaff, dell`Inghilterra, di Shakespeare, dei duecento attori neri utilizzati per rappresentare Macbeth, del musical dal Giro del mondo in ottanta giorni con musiche di Cole Porter, dei marziani, la cui invasione annunciò in una mitica trasmissione radiofonica.
Perché proporre uno spettacolo sul grande cineasta americano? Perché l`autore di Citizen Kane viene evidentemente assunto a emblema delle contraddizioni e delle ambiguità dell`artista in quel momento-chiave del Novecento in cui l`industria hollywoodiana va alla conquista del mondo. E infatti, intelligentemente, il protagonista viene colto in una luce tutt`altro che agiografica: anzi, l`immagine che ne esce è sostanzialmente acida, cattiva, a tratti sottilmente derisoria. Ed è travolgente la bravura con cui Battiston tratteggia un graffiante ritratto di quella star buffamente cinica,malevola, fra lampi di ingegno e insospettabili bassezze.
Renato Palazzi, Delteatro.it



GIUSEPPE BATTISTON è ormai uno dei principali attori del panorama cinematografico italiano contemporaneo. Esordisce sul grande schermo nel 1993 con Un`anima divisa in due, di Silvio Soldini e i primi riconoscimenti arrivano nel 1999 quando vince il Premio David di Donatello e Ciak d`oro come Miglior attore non protagonista per il film Pani e Tulipani, sempre di Soldini, con il quale continua a lavorare anche per Agata e la tempesta e per Giorni e nuvole (2007). Nel 2005 viene diretto da Cristina Comencini nel film La bestia nel cuore, ma anche da Roberto Benigni nel film La tigre e la neve. Dal 2006 si moltiplica la costellazione di impegni e apparizioni di questo attore sensibile e versatile e lo vediamo tra gli interpreti di Non prendere impegni stasera, Uno su due e A casa nostra. In questi anni ha girato anche Non pensarci (2007, Premio David di Donatello), commedia di Gianni Zanasi, sotto la regia di Carlo Mazzacurati nel film La giusta distanza (2007) con Fabrizio Bentivoglio, Amore, bugie e calcetto (2008) di Luca Licini e Si può fare (2008), entrambi con Claudio Bisio. La sua produzione artistica non si limita all`attività cinematografica: Battiston nasce come attore teatrale e ha collaborato con grandi registi come Alfonso Santagata, dal `94 al `98, conquistando il Premio UBU come Miglior attore non protagonista, e con Claudio Morganti. Ha preso parte in questi anni in importanti produzioni del Teatro Mercadante di Napoli, del Teatro Metastasio di Prato, CTB di Brescia e del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Per lo spettacolo `Orson Welles` Roast ha vinto il Premio Olimpici del Teatro 2009 come miglior interprete di monologo e il Premio Hystrio 2009 - Teatro Festival di Mantova

Altri
Dal 22 al 23 Ottobre
FANGO
Il Teatro delle Briciole riallestisce lo spettacolo isp...
Vedi
24 Ottobre
NOTTE SHAKESPEARE IN 3 MOSSE
Tre spettacoli no-stop ispirati a Shakespeare, nell`amb...
Vedi
20 Novembre
I MAMMASANTISSIMA IN AMMERIKA!!
spettacolo teatro musica popolar-etno-jazz-italo-ammeri...
Vedi
5 Dicembre
MEDIORIENTE EXPRESS
Un nuovo capitolo del progetto "Danza del III millennio...
Vedi
Dal 10 al 12 Dicembre
L`INIZIO
Bambini Animali e altre Divinità. La Prima Azione Teat...
Vedi
19 Dicembre
COSE CHE MI SONO CAPITATE
In vendita anche alla Feltrinelli di Via Repubblica i b...
Vedi
Dal 22 al 23 Gennaio
LA STRADA DI PACHA
La storia vera della donna che nei ghetti di Managua sf...
Vedi
29 Gennaio
E` BELLO VIVERE LIBERI!
La giovane rivelazione Marta Cuscunà commuove ed esalt...
Vedi
26 Febbraio
ONT/+1
Al Teatro al Parco il primo capitolo del progetto Osser...
Vedi
13 Marzo
IL POPOLO NON HA IL PANE? DIAMOGLI ...
Al Teatro al Parco Filippo Timi è un Amleto beffardo e...
Vedi
26 Marzo
PALI
Premio Ubu 2009 come migliore novità italiana, il nuov...
Vedi
9 Aprile
ONT+/2
Il secondo capitolo del progetto `Osservazione nuovi ta...
Vedi