Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
5 Maggio - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
1514. LE NUVOLE NON SI FERMANO
Il dramma dei Sahrawi, il popolo senza terra costretto all`esilio nel deserto algerino. Nell`ambito della rassegna "Doc in Tour", un documentario sul popolo originario del Sahara occidentale di cui il Marocco nega il diritto all`autodeterminazione L’appuntamento è organizzato in collaborazione con Help for children. Partecipa Omar Mih del Fronte Polisario
Altre Lingue:     
GUARDA IL TRAILER

1514. Le nuvole non si fermano

* Regia Carlotta Piccinini
* Soggetto e sceneggiatura Carlotta Piccinini, Umberto Saraceni
* Direttore della fotografia Giulia Massignan
* Montaggio Walter Cavatoi, Maura Costantini, Carlotta Piccinini
* Musica Jan Maio, Salvatore Arangio, Bartolomeo Sailer, Andrea Martignoni, Jon Hopkins
* Interpreti Cristiana Raggi
* Produzione Umberto Saraceni per VisualLab
* Durata 53`
* Anno 2010

Partecipa Omat Mih, rappresentante in Italia del Fronte Polisario
Appuntamento realizzato in collaborazione con Hel for children Parma


Nel 1975 i territori del Sahara Occidentale, ex colonia spagnola, sono stati occupati militarmente dal Marocco, diventando così il teatro in cui si è svolta la guerra tra Regno del Marocco e popolo Sahrawi, conclusasi soltanto nel 1991. Da allora, le Nazioni Unite hanno riconosciuto ai Sahrawi il diritto all’autodeterminazione da esercitarsi tramite un referendum, che ancora oggi non è stato effettuato.
Il documentario racconta la vita di un popolo in esilio da trentacinque anni, rifugiato nel deserto della vicina Algeria e che rivendica la propria indipendenza lottando contro uno stato che non lo riconosce e che rifiuta la sua specificità.
«Il film - racconta la regista Carlotta Piccinini - narra la storia di uomini e donne che hanno deciso di sacrificare il proprio benessere in cambio della libertà. Il messaggio che si evince dai discorsi e dalla voce dei Sahrawi è quello di un popolo che auspica fortemente al principio dell’autodeterminazione, così come è stato sviluppato nel 1945 dalla Carta dei Diritti dell’Uomo. Donne, uomini e bambini che resistono, cercando di costruire, ogni giorno, le basi per un futuro diverso e concreto. Nel fare ciò, i Sahrawi non hanno mai perso la positività, la cordialità e l’apertura verso l’altro, lo straniero, note e caratteristiche che contraddistinguono questo popolo di nomadi in una terra lontana.»
Carlotta Piccinini opera in maniera trasversale in diversi ambiti, spaziando dalla video arte al vjing, all’interesse per il documentario. “1514 Le nuvole non si fermano” è il suo primo film documentario, girato nel febbraio 2009, da una troupe di cinque donne nei campi profughi Sahrawi nel deserto del Sahara. Attualmente sta lavorando come documentarista per alcuni canali televisivi satellitari e come video artist per importanti club e locali italiani.