Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (3)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 22 Ottobre al 31 Ottobre
LA RADICALITA` GENTILE
Spettacoli, visite guidate, mostre, un convegno. E` un`immersione nel teatro di figura la rasse...
Tutte le rassegne e festival (2)
Dal 12 al 27 Aprile
MILANO, PIAZZA DUOMO
PRINCIPIA
Solares produce l`evento del Salone del Mobile di Milano
Altre Lingue:     
PRINCIPIA
Stanze e sostanze delle arti prossime

Milano, Piazza Duomo
Dal 12 al 27 aprile


E` firmata da Solares Fondazione delle Arti la produzione esecutiva del grande evento collaterale che accompagna i 50 anni del Salone del Mobile. Una mostra che non si accontenta delle opere d’arte in sé, ma le precede guardandoci dentro, andando all’origine dei loro principi generatori. Dal 12 al 27 aprile nella suggestiva cornice di Piazza Duomo.

Anche per questa edizione importante prosegue la tradizione di affiancare alla manifestazione prettamente commerciale degli eventi collaterali che abbiano una precisa valenza culturale di forte impatto e di alto valore. La storia degli eventi collaterali del Salone del Mobile inizia molto presto, nel 1965, soli quattro anni dopo il suo avvio, quando `per sottolineare la presenza di un nuovo padiglione completamente dedicato alle aziende più attente al design, che sarà tra le carte vincenti della mostra merceologica stessa` venne organizzata la “Mostra retrospettiva per una documentazione sul design del mobile in Italia dal 1945 a oggi”.

L’ambizioso progetto 2011 intitolato “Principia. Stanze e sostanze delle arti prossime”, con il Patrocinio del Comune di Milano e ideato e curato da Denis Santachiara in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti, prevede la realizzazione in Piazza Duomo di un padiglione “molecolare” suddiviso in 8 stanze ognuna delle quali esprime un principium originato dalla scienza, come motore per realizzare opere sonore, visive, architettoniche e di arti industriali.

La volontà è trasmettere come i principia nel contemporaneo si siano moltiplicati e attraversino i sensi della percezione umana. Alle 8 stanze di “Principia” si accede attraverso uno spazio introduttivo che evidenzia i rapporti della produzione delle arti storiche con i principi matematici, geometrici, ottici, magnetici, elettrici ed elettronici che hanno caratterizzato la storia dell’arte.
Se in passato Giotto è entrato in rapporto con il principio del punto luce che dona tridimensionalità alle figure, Brunelleschi e Leonardo con il principio del punto di fuga e la prospettiva, Canaletto e Guardi con il principio della camera oscura reso poi nelle loro straordinarie vedute, o se si pensa al caleotipo e dagherrotipo e alla fotografia di Nadar e all’Impressionismo, al principio della sequenza di figure, alle animazioni ottiche, al Futurismo e Dadaismo che hanno portato al cinema, o al Rotorilievo di Duchamp e Man Ray da cui il principio della visione e l’Optical Art o, ancora, a Tinguely con il principio del caos meccanico… sarà interessante vedere cosa sta accadendo nella nostra contemporaneità e come gli artisti possono utilizzare i nuovi principia per esprimere la propria arte. Giovani e importanti artisti e scienziati esporranno infatti nelle 8 stanze opere d`arte che utilizzano un principium riconducibile essenzialmente alle ultime e più avanzate tecnologie.

La storia dell’arte ha una sua storia. E questa storia si è affermata ed evoluta attraverso i suoi principia. Non foto dunque, ma fotoni; non video ma frequenze elettromagnetiche; non effetti 3D ma algoritmi; non motori elettrici, ma piuttosto flussi elettronici, non peso, ma assenza di gravità, non il visibile tecnico ma l’invisibile sensoriale.

Pertanto le stanze spazieranno dalle nano tecnologie un grande scultore che propone grandi sculture si confronta con opere infinitamente piccole, visibili solo al microscopio - ad artisti che lavorano con il neon creando opere attraverso i principi delle alte frequenze per trasmettere elettricità senza fili; e ancora l’algoritmo come principio per creare nuovi scenari urbani oppure i principi che sfidano la gravità, per arrivare ad artisti che sfruttano per le loro installazioni il principio del suono spazializzato 3D, solo per citare alcuni esempi.
“Principia” non è una mostra incentrata sul rapporto arte/scienza, ma l’accento viene messo sui potenziali creativi attraverso i principi della scienza come sorgente del fare artistico. Fine ultimo è l’innovazione del linguaggio come stupore estetico, il riemozionarsi come davanti a una delle vedute di Canaletto senza necessariamente comprenderne tutti i principi generatori della prospettiva. “Principia” è l’arte, il design, l’architettura, la musica, la moda che potrebbero essere, non è un punto d’arrivo della creazione ma il suo punto di partenza.

Crediti
Ideata e curata da Denis Santachiara
Produzione esecutiva Solares Fondazione delle Arti, Parma
Direzione del progetto Stefano Caselli
Produzione Massimiliano Di Liberto, Andrea Gambetta
Coordinamento progetto Siglinde Alberti, Laura Borrini, Maura Dellanoce

Catalogo bilingue (italiano/inglese Silvana Editoriale)

orari di apertura:
12 - 17 aprile
ore 10.00 - 23.00

18 - 27 aprile
ore 10.00 - 20.00, giovedì fino alle 23.00