Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
Dal 19 al 25 Novembre  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
UOMINI DI DIO
Lunedì 22 riposo, mercoledì 24 altra programmazione. Il film che ha sbancato il box office in Francia battendo Di Caprio e la Jolie. Xavier Beauvois racconta gli ultimi tre anni della vita di sette monaci cistercensi nel monastero di Tibhirine, nell`Atlante algerino, prima di essere rapiti e uccisi dagli integralisti islamici
Altre Lingue:     
Lunedì 22 novembre riposo

UOMINI DI DIO
(Francia 2010, durata 120`)
regia Xavier Beauvois
con Lambert Wilson, Michael Lonsdale, Olivier Rabourdin, Sabrina Ouazani, Philippe Laudenbach, Jacques Herlin, Xavier Maly, Jean-Marie Frin, Abdelhafid Metalsi, Olivier Perrier, Adel Bencherif

Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes 2010

GUARDA IL TRAILER

1996. Algeria. Una comunità di monaci benedettini opera in un piccolo monastero in favore della popolazione locale aderendo all`antica regola dell`"Ora et Labora". Il rispetto reciproco tra loro, che prestano anche assistenza medica, e la popolazione locale di fede musulmana è palpabile. Fino a quando la minaccia del terrorismo fondamentalista comincia a farsi pressante. Christian, l`abate eletto dalla comunità, decide di rifiutare la presenza dell`esercito a difesa del monastero non senza trovare qualche voce discorde tra i confratelli. Una notte un gruppo armato fa irruzione nel convento chiedendo che si vada ad assistere due terroristi feriti. Dinanzi al diniego vengono chieste medicine che vengono rifiutate perché scarse e necessarie per l`assistenza ai più deboli. Il gruppo abbandona il convento ma da quel momento il rischio per i monaci si fa evidente.
Xavier Beauvois porta sullo schermo il sacrificio di sette monaci francesi che nel marzo 1996 vennero sequestrati da un gruppo armato della Jihad islamica e le cui teste vennero ritrovate il 30 maggio di quello stesso anno. Documenti ritrovati di recente coinvolgono le forze armate algerine nel tragico esito finale del sequestro.