Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (3)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
FORMAZIONE
UN UNICO DANZARE
Un percorso per imparare a stare vicini. Progetto tra teatro, danza e arte per bambini dai 3 an...
14 Gennaio - 21:00 h.
TEATRO AL PARCO
THOM PAIN (BASATO SUL NIENTE)
Biglietti esauriti per il monologo di Elio Germano che dopo il trionfo a Cannes veste a teatro i panni di Thom Pain, antieroe solitario, amante tormentato e canaglia, poeta e prestigiatore.
Altre Lingue:     

I biglietti sono in vendita dal 27 dicembre alla Libreria Feltrinelli di Strada Repubblica e dal 7 gennaio al Teatro al Parco.

BAM TEATRO e PIERFRANCESCO PISANI
in collaborazione con MITTELFEST 2010-19^ edizione DEMONI-Genio d`Europa
con il contributo dei Festival La Notte dei Poeti XXVIII edizione e Settembre al Borgo- Caserta XL edizione

ELIO GERMANO
è
THOM PAIN
(basato sul niente)
di Will Eno

Edinburgh International Festival, Fringe Award 2005
Finalista Premio Pulitzer per la sezione Teatro 2005

traduzione di Noemi Abe
regia di Elio Germano in collaborazione con Silvio Peroni
foto di Roberto Baldassarre

Prima rappresentazione in Italia

______________________
Curioso uomo, Thom Pain.
Come precipitato sul palco, capitatoci per caso, deviando da un percorso che a ben pensare riproduce lo stesso "zig zag" delle sue parole.
Antieroe solitario, un narratore-decisamente!-capace di provare emozioni intense e controverse e di saperle convertire in parole o di nasconderle e negarle, attraverso le parole stesse, con l`abilità di un giocoliere.
Un individuo sincero nelle sue repulsioni, nella sua comprensione, nel desiderio di instaurare un contatto col pubblico e ugualmente sincero nella sua frustrazione di non riuscirci.
Ad ogni sua parola al buio riusciamo a vedere nuove cicatrici: sono le memorie di un uomo pieno di ferite, che precipitano nel suo discorso dai recessi dell`infanzia.
Non tutte si sono richiuse, alcune sanguinano ancora.
E Thom Pain -cinico funambolo in bilico sul nostro stupore- non ha paura né di ammettere che in una parte segreta del suo essere è ancora sensibile alle sofferenze altrui, a quella che chiameremmo la sofferenza del mondo.
In questa sua confessione laica, Thom Pain vuole cercare di dare un senso alla sua vita, trasformare la rovina in salvezza,a dispetto di tutto, restituire qualcosa di nobile e di buono al pubblico e a sè stesso.
Un uomo tragicamente positivo, che cerca ancora di amare la vita senza spiegarla troppo, né di trovare soluzioni o insegnamenti.
Coraggioso nel suo porsi davanti ai dubbi e scrollarli via con un "chi se ne frega".
Non giudicatelo: non è migliore, né peggiore di voi.
Di sicuro è "vivo". E le sue emozioni sono le grandi protagoniste di questo testo: difficile non sentire la loro irrefrenabile pressione, come fossero una lattina di una bevanda gasata che è stata energicamente agitata e posata lì...
Esploderà? Era un fremito quello che abbiamo appena avvertito?
Thom Pain è solo.
Entra in scena al buio. Non ci sono tecnici sul palco, non c`è l`uomo del suono ad aiutare la sua entrata con una musica.
Non c`è una scena.
E` un uomo solo, che soffre sotto il tiro delle luci del palco.
Ha parole che non suonano come le battute di un testo teatrale, ma hanno il linguaggio e la forza di un uomo che parla, mettendosi in fila come in un flusso di coscienza, continuamente sospeso tra memoria e paura.
Credo che questo testo non faccia sconti a nessuno, tanto meno a me.
Non puoi entrarci, a meno di non "essere" Thom Pain.
E questa è stata la grande difficoltà richiesta al mio lavoro: essere e non provare di imitare, essere lui dal primo momento, senza indugi, senza giudicarlo, senza recitare le sue intenzioni.
C`è solo Thom Pain e il pubblico, con il quale cerca di stabilire una relazione, pure essendo terrorizzato dall`idea di una qualsiasi possibile sintonia.
Ho pensato, provando, che Thom Pain parlando, fissi gli spettatori e scorga nei loro sguardi gli spunti di conversazione che lo portano a cambiare continuamente argomento dal suo discorso iniziale...
Elio Germano


Altri
18 Dicembre
RODISIO NIGHT
Musica jazz, performance di Burlesque, vin brulé e tan...
Vedi
Dal 28 Gennaio al 30
IL PREMIO UBU FABRIZIO GIFUNI E IL ...
Sono ancora disponibili biglietti per "L`ingegner Gadda...
Vedi
Dal 4 al 05 Febbraio
`NA SPECIE DE CADAVERE LUNGHISSIMO
Biglietti esauriti per il secondo capitolo del dittico ...
Vedi
18 Febbraio
THE END
Jim Morrison e De Andrè, Tenco e Morricone. Un impress...
Vedi
Dal 4 al 05 Marzo
ALBERO SENZA OMBRA
Dopo l’Iliade, dopo l’Odissea, dopo le tante creazi...
Vedi
25 Marzo
OSSERVAZIONE NUOVI TALENTI
La nuovissima generazione teatrale, i giovani gruppi ch...
Vedi
1 Aprile
L`ORIGINE DELLE SPECIE _ DA CHARLES...
Chi siamo? Dove andiamo? La storia della vita sulla ter...
Vedi
15 Aprile
PROGETTO SYRMA ANTIGONES
Alla radice delle nostre azioni e delle nostre omission...
Vedi
11 Gennaio
DISCORSO GRIGIO
Vedi
Dal 16 Luglio al 17 Marzo
KAJOEBEREIR
Vedi