Arte
Informazioni
Galleria delle colonne
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
AGENDA
30 Gennaio
Disegnare la satira. Talk e proiezione. Altan in conversazione con Sergio Staino e Carlo Verdelli
Auditorium Museo Maxxi Roma
...
Appuntamenti in agenda (13)
COLLEZIONE D'ARTE
Peter Greenaway
Rides
Catalogo Collezione d'arte
COLLEZIONE FOTOGRAFICA
Archivio Roger Corman
Catalogo Collezione fotografica
CATALOGHI
DENNIS OPPENHEIM
Silvana Editoriale
Tutti i Cataloghi
DOCUMENTARI E VIDEO
Super8 Stories
di Emir Kusturica
Catalogo Documentari e Video
PREMIO TRECENTOSESSANTA
BERTRAND TAVERNIER
Tutti i premiati
Dal 28 Giugno al 28 Novembre
MUSEO DI ARTE CONTEMPORANEA DI SALONICCO - GRECIA
ISOLE MAI TROVATE
Viaggia da Genova a Salonicco la mostra prodotta da Solares che in dicembre concluderà il suo tour a Saint Etienne in Francia. Artisti di fama internazionale interpretano, con opere inedite, la propria isola mai trovata. Curatori Lorand Hegyi e Katerina Koskina
Altre Lingue:     

ISOLE MAI TROVATE / ISLANDS NEVER FOUND
 
28 giugno- 28 novembre 2010
Museo statale di arte contemporanea di Salonicco

Una mostra promossa e organizzata da
Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura
Musée d`Art Moderne di St-Etienne
Museo statale di Arte Contemporanea di Salonicco,
in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti
 
 
L`isola come metafora di vita e di ricerca è il tema che ispira la mostra "Isole mai trovate/Islands never found". Curata da Lóránd Hegyi, Direttore Generale del Musée d`Art Moderne di St-Etienne - museo che ospita la terza collezione più importante di Arte Moderna di Francia -  e da Katarina Koskina, Presidente del Museo di Stato di Arte Contemporanea di Salonicco, l`esposizione coinvolge artisti di fama internazionale, chiamati a interpretare, con alcune opere inedite, la propria isola mai trovata, attraverso una navigazione eterna, pervasa comunque dal dubbio se davvero quell`isola esista.
Le "isole" sono infatti zone creative specifiche, uniche e individuali, nelle quali ciascuno di essi cerca di rendere oggettivo e di comunicare con il proprio linguaggio, una visione del mondo, ideologica, filosofica ed estetica. L`artista interpreta così la propria vita e il proprio lavoro con simbolismi che sono veri e propri "luoghi altri", in uno scorrere continuo e appassionato di espressioni e incertezze, di curiosità e speranze, di attitudini e competenze. Sentimenti ed emozioni che spingono ogni artista a intraprendere una sorta di viaggio - o meglio di navigazione - seguendo la propria rotta verso nuove "isole", alla ricerca continua del proprio spazio interiore.
Come scrive Lóránd Hegyi: "Al di là di tutto, questa mostra vuole rendere omaggio a quegli artisti, uomini e donne, che sulla scia della loro creatività, illimitata e piena di impegno, e del loro inesorabile radicalismo e stravagante libertà intellettuale, sono in grado di creare situazioni e attitudini mentali innovative, e di conseguenza nuovi territori i quali, come le isole dell`immenso oceano fluttuante, evocano al tempo stesso riparo e prigionia, casa e inferno, liberazione e dissolvimento."
Oltre 70 opere, tra installazioni, video, fotografie, sculture, disegni e dipinti, conducono il visitatore in un arcipelago, dove ogni isola, trova, attraverso la rappresentazione artistica del singolo autore, i motivi, le domande, i dubbi  e forse i rimandi ai significati dell`essere.
Anselm Kiefer, in un dialogo fra due opere, propone la drammaticità dell`isola scomparsa, della fine dell`utopia e allo stesso tempo lancia un segno di speranza nell`indicare la capacità dell`artista di creare, di immaginare al limite della stessa utopia.
Pistoletto costruisce un labirinto, forse di piccole isole immaginarie, dove il dubbio è l`elemento conduttore, la tensione intellettuale che ci spinge in una metafora continua al navigare, alla ricerca dell`isola che non c`è.
Kimsooja, dà invece un`interpretazione "politica" dell`isola da trovare e con le sue opere ci rimanda al tema dell`emigrazione. La sua donna seduta su un cumulo di fardelli accatastati su un carro, vista di spalle, è costretta ad abbandonare per necessità il proprio luogo verso un altro, sconosciuto ma carico di desideri e speranze.
E così in una navigazione eterna, ogni artista, Marina Abramovic, Alice Aycock, Marina Bolla, Louise Bourgeois, Yves Bresson, Tony Cragg, Danica Dakic, Latifa Echakhch, Jan Fabre, Hans Peter Feldmann, Gloria Friedmann, Carlos Garaicoa, Gilbert & George, Siobhan Hapaska, Rebecca Horn, Ilya Kabakov, Anselm Kiefer, Kimsooja, Jannis Kounellis, Maria Loizidou, Richard Long, Maurizio Nannucci, Natsuyuki Nakanishi, Luigi Ontani, Dennis Oppenheim, Orlan, Michelangelo Pistoletto, Lucas Samaras, Barthélémy Toguo, Stefanos Tsivopoulos, Costas Tsoclis, Mamoru Tsukada, Gunther Uecker, Lois Weinberger.
intraprende, per questa occasione, un viaggio senza rotta, se non la propria, soggetta all`incertezza e al dubbio, libera di approdare in un territorio del desiderio, che come tale può essere irraggiungibile.
 
Sede della mostra
MINISTRY OF CULTURE AND TOURISM
STATE MUSEUM OF CONTEMPORARY ART
21, Kolokotroni Street, Stavroupoli 56430, Thessaloniki
Τ: +30 2310 589140, -1 3, F: 2310 600123
www.greekstatemuseum.com,
[email protected]