Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
Dal 27 Agosto al 2 Settembre  - 21:15 h.
ARENA ESTIVA EDISON D'ESSAI
FISH TANK
Premio della Giuria a Cannes 2009, il film che racconta i sogni e gli inganni di una adolescente in un`Inghilterra inquieta
Altre Lingue:     
(riposo 30 e 31 agosto)

GUARDA IL TRAILER

Premio della Giuria al Festival di Cannes 2009

FISH TANK

(Gran Bretagna, 2009, 123`)
REGIA: Andrea Arnold
SCENEGGIATURA: Andrea Arnold
ATTORI: Michael Fassbender, Katie Jarvis, Kierston Wareing, Harry Treadaway, Rebecca Griffiths, Sarah Bayes, Charlotte Collins, Chelsea Chase, Brooke Hobby, Jason Maza, Sydney Mary Nash, Joanna Horton, Grant Wild, Carrie-Ann Savill, Toyin Ogidi, Jack Gordon, Michael Prior

Gran Bretagna: Mia ha 15 anni, un carattere impetuoso, nessuna amica, una madre coetanea, eccetto per l`anagrafe, una sorellina specializzata in turpiloquio e una grande passione per la danza hip-hop. Per lei ogni giorno è uguale all`altro, fin quando in casa non compare un amichetto occasionale della madre, Connor. L`aitante giovane porterà l`amore in famiglia. E non solo...

"Un film realistico, di grande attualità, che non per niente viene dall`Inghilterra e il cui autore è una donna. Squallidi palazzoni in mezzo a sterpaglie desolate nelle periferie cittadine, la televisione sempre accesa su sguaiataggini e lussi volgari, famigliole smembrate dove ognuno è solo e infelice per conto suo. Per i giovani, giornate incattivite dall`inquietudine e dalla paura, con il presentimento di un futuro incatenato al presente, immobile e vuoto. Appassionata di squallori urbani e di vite devastate, Andrea Arnold, una bella signora dai lunghi capelli biondi e con un baschetto nero in testa, porta in concorso il suo secondo lungometraggio, "Fish Tank", dopo aver vinto qui nel 2006 il premio della giuria con l`inquietante "Red Road". In quel film la vita perduta era quella di una donna che vuole vendicarsi dell`uomo che guidando ubriaco le ha ucciso marito e figlio, qui la vita desolata e rabbiosa è quella di una quindicenne che si dibatte nell`assenza di affetti, tra coetanei che la respingono, nessuna voglia di scuola, birra liquori e pasticche e il solo sogno che ragazze come lei pensano a portata di mano: diventare una ballerina di hip hop, come le adolescenti italiane sognano di diventare veline.
Mia, l`attrice esordiente Katie Jarvis, vive con la sorellina e la giovane madre avida di vita (Kierston Wareing, la bionda nervosa di "In questo mondo libero" di Loach), rapporti villani e duri: è un piccolo mondo di sole donne inquiete e infelici, fino a quando arriva il nuovo uomo della mamma, (Michael Fassbender) bello, gentile, paterno: basta una presenza maschile e tutto sembra possibile. Ma la vita è dura per le quindicenni abbandonate a se stesse, ferite dall`insicurezza e da un mondo che aspetta solo di distruggerle. Con grande talento, la regista ci porta nei luoghi dove la vita stessa è periferia, fa di Mia il ritratto di tante adolescenti irregolari e fastidiose, di cui, ovunque, gli adulti non vedono la sofferenza, il bisogno di affetto, la voglia di felicità e di normalità".
Natalia Aspesi, La Repubblica, 15 maggio 2009