Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 5 Novembre al 26 Aprile
UN POSTO PER I RAGAZZI 18.19
Tutto il programma della nuova stagione di teatro per le scuole
PRODUZIONI
VAI AL CATALOGO ONLINE
Découvrez tous les productions du Teatro delle Briciole...
Tutte le Produzioni
FORMAZIONE
STATI TEATRALI
Laboratori di pratica teatrale a cura di Elisa Cuppini e Savino Paparella
Dal 2 al 7 Aprile  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
LA BOCCA DEL LUPO
Il film che ha vinto il Festival del Cinema di Torino, la storia d`amore di due "esclusi" in una Genova cambiata per sempre
Altre Lingue:     
GUARDA IL TRAILER

Film vincitore del Festival del Cinema di Torino

La bocca del lupo racconta un amore vero tra due veri "irregolari": uno, Vincenzo, che si è fatto un mucchio di anni di carcere e in carcere ha conosciuto, amandola ricambiato, Mary. Si sono aspettati e voluti sin dal tempo del loro incontro dietro le sbarre, quando ancora si mandavano messaggi muti, registrati su cassette nascoste. Genova è testimone del loro incontro ed è lì che ora condividono il loro destino furtivo con i compagni degli abissi nel labirinto di Croce Bianca, via Pré, Sottoripa... nomi antichi di un posto non ancora moderno dove il Novecento si è incagliato come una nave senza ancora.

LA BOCCA DEL LUPO
Regia e fotografia
Pietro Marcello
Interpreti Vincenzo Motta, Mary Monaco
Montaggio e ricerca repertori Sara Fgaier
Suono Manuele Vernillo
ITALIA, 2009, 76`

La bocca del lupo è un film che sfugge alle facili definizioni (un documentario ma anche un melodramma, un film su commissione ma anche d` autore), capace però di conquistare lo spettatore per forza di stile e di idee e di condensare in meno di settanta minuti una storia d` amore e il ritratto di una condizione sociale, la metamorfosi di una città e il susseguirsi del tempo. Grazie alla Fondazione San Marcellino di Genova (la committenza), Pietro Marcello è stato invitato a raccontare non il lavoro che questa compagnia di gesuiti svolge dal 1945 nel sociale, ma il mondo di emarginati a cui rivolge le proprie cure. E dopo aver condiviso a lungo la vita delle zone più misere della città, alle spalle del porto, il regista ha scelto di raccontare la storia d` amore tra Enzo e Mary, un ex carcerato e il transessuale che l` ha aspettato per quasi vent` anni, mentre lui scontava le pene a cui era stato condannato. Lo racconta con lo stile secco del documentario, usando come traccia le cassette registrate che i due si scambiavano invece delle lettere, mentre mostra i cambiamenti che hanno trasformato il volto di Genova, non più il mondo poetico e romantico dei "carugi" cantati da De André ma nemmeno quello industriale e produttivo che costruiva giganteschi transatlantici. Ogni tanto il regista chiede a Enzo di "recitare" in piccole scene, ogni tanto il film sembra "dimenticare" i due protagonisti per inseguire altre facce e altri emarginati. Ma poi tutto si lega in un flusso di immagini e di emozioni che vanno dritte al cuore. E quando nell` ultima parte i due protagonisti si offrono all` obiettivo della cinepresa e raccontano in prima persona la loro storia - l` incontro in carcere, la scoperta del reciproco amore, la vita di lui dietro le sbarre e di lei ad aspettarlo - la forma del documentario viene annullata dall` emozione delle parole e la "confessione" diventa travolgente melodramma. Come sarebbe piaciuto a Pasolini e a Fassbinder: senza mascherare la miseria della realtà ma riscattandola con la passione dei sentimenti.
Il Corriere della Sera, 16 novembre 2009