Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
I SOGNATORI AD ASTITEATRO
Applaudita la nuova produzione firmata da Manuela Capece e Davide Doro che è stata ospite il 29 ...
Appuntamenti in agenda (1)
21 Novembre - 21:15 h.
QUANDO HAI 17 ANNI
Lunedì 21 novembre ore 21.15: ultima replica per il film del maestro del cinema francese André Téchiné
Altre Lingue:     

c`è un`asprezza nel cinema di André Téchiné, la rabbia dell`adolescenza, la tensione sociale e un`inquietudine di chi pone la macchina da presa in scontro con le pulsioni e i sentimenti. un cinema da amare e raccontare, che meriterebbe una grande retrospettiva, anche per ragionare su quel labirinto di racconti e poetiche che hanno costituito la post nouvelle vague. ci “accontentiamo”, per ora, di guardare insieme il suo ultimo film, che era in concorso alla Berlinale e ora per fortuna nel listino di CINEMA. neanche ci speravamo, detto francamente

QUANDO HAI 17 ANNI ci ha ricordato “Les roseaux sauvages”, lo straordinario lavoro in cui raccontava gli anni di rivolta alla Guerra d`Algeria, lo scontro politico interno agli studenti, l`emancipazione e la scoperta della sessualità. 22 anni dopo e a 73 anni d`età, Téchiné gira un film con quella forza, anche se calato su un presente in cui la “politica” è adolescenza, scuola, provincia, diversità e sessualità. ci riesce grazie alla sceneggiatura scritta insieme a Céline Sciamma (la brava regista di Tomboy, Diamante nero e quel gran film inedito che è “Naissance des pieuvres”), a due ragazzi protagonisti fuori dal comune (Corentin Fila e Kacey Mottet Klein) e alla voglia di mordere ancora una volta la realtà, denudandoci come spettatori al cospetto di un cinema intimamente sensibile

due righe di trama:
In un aspro villaggio tra le montagne della Francia sud-occidentale, Damien e Tom frequentano la stessa scuola. Potrebbero essere amici, ma non si sopportano. Si insultano, e quando le parole non sono abbastanza si picchiano. Una particolare circostanza li costringe ad avvicinarsi.