Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (3)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 22 Ottobre al 31 Ottobre
LA RADICALITA` GENTILE
Spettacoli, visite guidate, mostre, un convegno. E` un`immersione nel teatro di figura la rasse...
Tutte le rassegne e festival (2)
MA LOUTE
Dopo l`anteprima invernale dei quattro episodi di “P`tit Quinquin” e la programmazione d`inizio settembre, torna in programmazione il nuovo film di Bruno Dumont dal 15 al 21 settembre
Altre Lingue:     

Il film è ambientato nel 1910, sulla Côte d`Opale, e vede un ispettore di polizia e il suo assistente indagare su alcune misteriose sparizioni, mentre i rampolli di due famiglie, Ma Loute Bréfort e la giovane e spregiudicata Billie Van Peteghem, intrecciano una storia d`amore che sconvolgerà sia i Bréfort (traghettatori) che i Van Peteghem (ricchi borghesi degenerati).


giorni di programmazione:

giovedì 15/9 ore 21.15 versione originale francese con sottotitoli

venerdì 16/9 ore 21.15 versione originale francese con sottotitoli

domenica 18/9 ore 21.15 versione italiana

mercoledì 21/9 ore 21.15 versione originale francese con sottotitoli


Roberto Manassero, dalla sua recensione per Cineforum:

E dunque ancora più surreale e cinico, questo nuovo Dumont non fa che dimostrare come il suo cinema sia soprattutto una lotta di elementi, una battaglia che esplicita in maniera fin troppo netta, accostando Grazia e miseria in modo per nulla mediato, un malessere creativo impossibile da gestire e che P`tit Quinquin aveva in qualche modo risolto.

Gli stessi personaggi del film, gli altoborghesi Van Peteghem e gli ex pescatori Bufort, messi l`uno contro l`altro in una località di mare della Normandia a inizio Novecento, sono al tempo stesso in conflitto e simili, opposti che si attraggono su un piano di deformazione parossistica della realtà. La distanza sociale si accompagna alla deformazione fisica, l`ignoranza contadina alla demenza nobile, e la galleria degli orrori (in chiave di humour nerissimo e quasi demenziale) non si risparmia l`isteria e l`incesto da una parte e il cannibalismo dall`altra. Senza filtri, senza patemi, senza limite.