Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
Dal 17 al 19 Giugno  - 21:15 h.
MA MA - TUTTO ANDRA` BENE
Il ritorno di Penelope Cruz in un ruolo splendido e terribile. Programmato da venerdì sia in spagnolo che in italiano
Altre Lingue:     

MA MA - Tutto andrà bene

(Spagna, 2015 - 111’)

Regia di Julio Médem


venerdì 16 giugno ore 21.15 (versione originale spagnola con sottotitoli italiani)

sabato 17 giugno ore 21.15 (versione italiana)

domenica 18 ore 18.30 e 21.00 (versione italiana)


Una storia sulla vita, l’amore e la maternità dal visionario regista di “Lucia y el Sexo” e “Gli amanti del circolo polare”. Magda - il premio Oscar Penelope Cruz  - è una giovane madre coraggiosa e risoluta che si trova ad affrontare una delle sfide più difficili quando le viene diagnosticato un tumore al seno. Recentemente abbandonata dal marito, può però contare sull’affetto di Arturo, conosciuto per caso proprio nel giorno in cui le hanno comunicato la sua diagnosi. Il legame tra i due si rafforza sempre più e, proprio quando la salute di lei sembra peggiorare irrimediabilmente, si accende una luce di speranza nella meravigliosa occasione di una nuova maternità.


Penelope Cruz:


“Magda è un personaggio sicuramente impegnativo e me ne sono innamorata non appena ho letto lasceneggiatura” afferma Penelope. “Si tratta di una storia che parla della malattia, ma non solo, parla

soprattutto del modo in cui questa giovane donna affronta i suoi problemi. Magda simboleggia l`ottimismo e la positività, ci mostra l`autentico valore della vita e quanto questo suo modo di vivere la vita la faccia sentire bene nonostante la malattia”.

Interpretare Magda è stata una sfida impegnativa, ammette Penelope, che ha accettato con entusiasmo. “Ho dovuto fare un enorme sforzo ogni volta che lasciavo il set, dovevo impormi di lasciare lì Magda, non potevo assolutamente portarla a casa con me. E il giorno dopo dovevo riprendere a essere lei con tutto il bagaglio emotivo che questo comportava".

“In realtà, in un modo o nell`altro, una parte di Magda era sempre presente in me. Credevo che alla fine delle riprese, dopo circa due mesi vissuti insieme a Magda, sarebbe stato più semplice dirle addio. Ci sono state volte in cui è stato più semplice allontanarmi dal personaggio che avevo interpretato, ma questa volta è stata una di quelle volte - che saranno due o tre durante la mia carriera fino a oggi - che mi capita di fare fatica a lasciare il mio personaggio. Ho girato più di quaranta film, ma solo in pochissimi casi mi è capitato di terminare le riprese e sentire il personaggio ancora con me".

“La sensazione è quella di essere in qualche modo posseduta, fa un po’ impressione e pensi ‘okay, adesso ho bisogno di una pausa’. Anche a livello emotivo senti di essere esausta. Non mi lamento però, tutto questo è servito per entrare nel personaggio e, come ho detto prima, Magda mi ha dato così tanto che mi sento davvero onorata ad averla interpretata, sia per il suo modo di essere sia per quello che rappresenta”.