Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
I SOGNATORI AD ASTITEATRO
Applaudita la nuova produzione firmata da Manuela Capece e Davide Doro che è stata ospite il 29 ...
Appuntamenti in agenda (1)
Dal 23 Ottobre al 26 Novembre
CINEMA EDISON D'ESSAI
IL SALE DELLA TERRA, QUINTA SETTIMANA IN CARTELLONE
Continua l`exploit di spettatori, ancora in sala fino al 26 novembre il nuovo film di Wenders presentato in anteprima italiana a Roma


Altre Lingue:     
Cinema Edison d`essai
mercoledì 5 novembre ore 21.15 - versione in italiano
giovedì 6 novembre ore 21.15 - v.o.con sottotitoli
venerdì 7 novembre ore 21.15 - v.o. con sottotitoli
sabato 8 novembre ore 20 e ore 22 - versione in italiano
domenica 9 novembre ore 18.30 e ore 21.15 - versione in italiano
mercoledì 12 novembre ore 21.15- versione in italiano
giovedì 13 novembre ore 21.15 - v.o. con sottotitoli
venerdì 14 novembre ore 21.15 - v.o. con sottotitoli
sabato 15 novembre ore 20 e ore 22 - versione in italiano
domenica 16 novembre ore 18.30 e ore 21.15 - versione in italiano
mercoledì 19 novembre ore 21.15 - versione in italiano
giovedì 20 novembnre ore 21.15 - v.o. con sottotitoli in italiano
venerdì 21 novembre ore 21.15 - versione in italiano
sabato 22 novembre ore 22 - versione in italiano
domenica 23 novembre ore 21.15 - versione in italiano
mercoledì 26 novembre ore 21.15 - versione in italiano

Presentato in anteprima italiana il 19 ottobre al Festival di Roma 

IL SALE DELLA TERRA
Regia: Juliano Ribeiro Salgado, Wim Wenders
Prodotto da Decia Films, in coproduzione per Solares Fondazione delle Arti e Amazonas Images.

Al Festival di Cannes, dove era stato presentato in prima mondiale, ha vinto il Premio Speciale della sezione Un Certain Regard e la menzione speciale del Prix du Jury oecuménique e del Prix François Chalais. Domenica 19 ottobre la nuova opera di Wim Wenders, «Il sale della terra», un documentario su uno dei piu` grandi fotografi del mondo, Sebastiao Salgado, firmato con il figlio di Salgado, Juliano Ribeiro, e coprodotto da una realtà culturale parmigiana, Solares Fondazione delle Arti, è stato proiettato in anteprima italiana al Festival di Roma, alla quale ha partecipato lo stesso regista in un incontro pubblico nell`ambito di Wired Next Cinema curato da Mario Sesti. «Il sale della terra» è uscito poi il 23 ottobre distribuito da Officine Ubu nelle sale italiane, e in prima visione a Parma al Cinema Edison d’essai, dove sta inanellando grandi affluenze di spettatori, tanto da spingere gli organizzatori a aggiungere una terza settimana di programmazione (informazioni tel 0521 964803, www.solaresdellearti.it).

Da quarant`anni Salgado attraversa i continenti sulle tracce di un`umanità in pieno cambiamento. Dopo aver testimoniato alcuni tra i fatti più sconvolgenti della nostra storia contemporanea - conflitti internazionali, carestie, migrazioni di massa - si lancia adesso alla scoperta di territori inesplorati e grandiosi, per incontrare la fauna e la flora selvagge in un grande progetto fotografico, omaggio alla bellezza del pianeta che abitiamo. Si tratta della nuova esposizione "Genesis" che Salgado promuovera` nel mondo nei prossimi mesi, e che attualmente è a New York. La sua vita e il suo lavoro ci vengono rivelati dallo sguardo del figlio Juliano Ribeiro Salgado, che l`ha accompagnato nei suoi ultimi viaggi, e da quello di Wenders, fotografo egli stesso.
«Da subito- ha detto Wenders - ci è sembrato essenziale tenere in considerazione il fatto che i Salgado hanno un`altra vita accanto alla fotografia: il loro impegno a favore dell`ecologia. Sapevo che era necessario raccontare due storie parallele. Si può dire che l`opera di rimboschimento che hanno messo in atto in Brasile e i risultati quasi miracolosi che hanno ottenuto, siano una specie di "happy end" per Sebastião, dopo tutta la disperazione di cui è stato testimone e la depressione in cui è precipitato al ritorno dall`ultimo viaggio in Rwanda. Salgado non ha soltanto consacrato Genesis, la sua ultima monumentale opera, alla natura, ma è proprio la natura ad avergli permesso di non perdere la sua fede nell`uomo».
Il film è prodotto da Decia Films, in coproduzione per Solares Fondazione delle Arti e Amazonas Images.