Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
Dal 16 al 29 Marzo  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
CESARE DEVE MORIRE
Prima visione per Parma del film italiano che ha vinto l`Orso d`oro al Festival di Berlino. Un viaggio nel mondo a parte del carcere, che racconta la forza liberatrice dell`arte, attraverso la messa in scena di Shakespeare ad opera dei detemuti di Rebibbia
Altre Lingue:     
venerdì 16 marzo ore 21.15
sabato 17 marzo ore 21.15
domenica 18 marzo ore 21.15
mercoledì 21 marzo ore 21.15
venerdì 23 marzo ore 21.15
sabato 24 marzo ore 21.15
domenica 25 marzo ore 18.30 e 21.15
mercoledì 28 marzo ore 21.15
giovedì 29 marzo ore 21.15

CESARE DEVE MORIRE
GENERE: Documentario
REGIA: Vittorio Taviani, Paolo Taviani
SCENEGGIATURA: Paolo Taviani, Vittorio Taviani
MONTAGGIO: Roberto Perpignani
MUSICHE: Giuliano Taviani, Carmelo Travia
DISTRIBUZIONE: Sacher Distribuzione
PAESE: Italia 2012
DURATA: 76 Min

I fratelli Taviani tornano alla ribalta e vincono l`Orso d`oro al Festival di Berlino con un film che entra con grande emozione nella realtà del carcere ed esalta la forza liberatrice della poesia e del teatro raccontando.
Nella sezione di Alta Sicurezza del carcere di Rebibbia il regista Fabio Cavalli prova il “Giulio Cesare” di Shakespeare: come attori ci sono i detenuti, dei quali alcuni segnati dal “fine pena mai”. Quotidianamente, nelle celle, nei cubicoli dell’ora d’aria, nei bracci del penitenziario, il film documenta le cadenze oscure delle giornate dei reclusi e di come, attraverso prove che sempre più li coinvolgono nel profondo, s’innerva di forza e di vita la pagina del grande testo shakespeariano, fino al successo della messa in scena, davanti ad un pubblico, nella sala teatrale di Rebibbia.