Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
Dal 25 Novembre al 1 Dicembre  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE
Lunedì chiuso, martedì altra programmazione. L`Amarcord di Avati, il racconto di un amore in un borgo emiliano durante il fascismo, con Micaela Ramazzotti e Cesare Cremonini
Altre Lingue:     
25,26,27,30 novembre, 1 dicembre, ore 21.15
domenica proiezione anche alle 18.30
(lunedì riposo, martedì proiezione dei film vincitori del Via Emilia Doc Festival)

IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE
(Italia, 2011, 85`)
di Pupi Avati
Con Cesare Cremonini, Micaela Ramazzotti, Gianni Cavina, Andrea Roncato, Erika Blanc

L`impressione è che Pupi Avati si diverta, mentre procede la storia di "Il cuore grande delle ragazze". Come ama fare la cultura quotidiana della sua terra, nel piacere del racconto i fatti minimi della vita, ma anche i massimi, si fanno leggenda, e ogni loro eventuale e probabile amarezza si alleggerisce fino a mutarsi in nostalgia. E così del passato - della povertà degli uni e della stupida spocchia degli altri, del maschilismo tronfio dei mariti e della sopportazione complice delle mogli, ma anche delle prepotenze del regime e delle connivenze della gente - di tutto questo, dunque, sopravvivono solo maschere che si confondono tra maschere.
Certo, Avati non è Federico Fellini, e la commedia qua e là farsesca del suo borgo contadino (ed emiliano) resta ben lontana dal sorriso commosso di quello piccoloborghese (e romagnolo) di "Amarcord". Tuttavia, su Carlino, su Francesca e sugli altri il suo racconto sa stendere un velo tenace e leggero come la memoria, generoso e ingenuo come un bicchiere di sangiovese fatto in casa, e felicemente improbabile come un alito profumato di biancospino.
(Roberto Escobar, L`Espresso)