Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
TEATRO, LE PRODUZIONI 2021/2022
Sono otto le nuove creazioni in catalogo, tra produzioni e coproduzioni, firmate da Maurizio Berc...
Appuntamenti in agenda (3)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
FORMAZIONE
UN UNICO DANZARE
Un percorso per imparare a stare vicini. Progetto tra teatro, danza e arte per bambini dai 3 an...
13 Marzo - 15:30 h.
L`ORCO SCONFITTO OVVERO IL SAPERE DEL PIU` PICCOLO
Posti disponibili per la replica straordinaria del 17 marzo alle 16.30
Altre Lingue:     

13 marzo: biglietti esauriti - 17 marzo ore 16.30


Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti

presenta

L’ORCO SCONFITTO

ovvero il sapere del più piccolo
 
liberamente ispirato a Pollicino di Charles Perrault
 
testo
Letizia Quintavalla e Valentin Rossier
 
con
Teodoro Bonci Del Bene
 
regia e scene
Letizia Quintavalla
 
musica
Alessandro Nidi
 
ideazione luci José Espina
costumi Patrizia Caggiati
 
ideazione suono Serge Amacker
aiuto scenografo Emanuele Araldi
 
tecnico Dario Andreoli
 
per bambini dai 4 ai 6 anni
 
spettacolo creato ad
Am Stram Gram Le Théâtre di Ginevra - 2001


Domenica 13 marzo alle 15.30 e 17.30 e in replica straordinaria il 17 marzo alle 16.30 va in scena al Teatro al Parco <L’orco sconfitto ovvero il sapere del più piccolo>, produzione Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti per bambini dai 4 ai 6 anni, regia di Letizia Quintavalla, in scena Teodoro Bonci del Bene, testo della stessa Quintavalla e di Valentin Rossier. E’ l’ultimo appuntamento, a capienza limitata, della ‘stagione per adulti e bambini insieme’ Weekend al Parco. Esauriti i biglietti per le repliche del 13, sono ancora disponibili dei posti per la recita del 17 marzo, in vendita da domenica alla Libreria Feltrinelli in Via Repubblica, e presso il Teatro al Parco da un’ora prima dello spettacolo.
 
Riallestimento di <Papà perduto>, produzione del 2001 liberamente ispirata a Pollicino di Charles Perrault, <L’orco sconfitto ovvero il sapere del più piccolo> è la storia di un padre povero e disperato, così disperato da perdere la testa e da abbandonare i suoi bambini nella foresta. Come in altri lavori diretti da Letizia Quintavalla, da ‘Con la bambola in tasca’ a ‘La tempesta’, il cuore emotivo e drammaturgico dello spettacolo è costituito dalla presenza di uno o più bambini in scena: una modalità di ricerca sulla relazione che si traduce in un ‘piccolo rapimento teatrale’, breve ma di grande intensità.
< La nostra epoca è ormai povera di riti di iniziazione, defraudati delle poche occasioni che restano ai bambini per crescere insieme al proprio clan. Il teatro ha per sua natura questa eredità, questa arcaicità>, spiega la regista. <Ai bambini in scena viene chiesto di essere coraggiosi, di entrare nel gioco teatrale senza sapere nulla di ciò che succederà. Per pochi minuti o per un’ora riceveranno suggestioni e informazioni pensate e scelte per far lavorare il loro intuito. Si chiederà loro di stare bene o a volte male, insieme all’attore sulla scena e alla fine usciranno, come in un rito di iniziazione, più grandi, diversi, proprio perché avranno superato un momento “altro” rispetto al quotidiano, un momento difficile e unico>.
 
Questa  rilettura del capolavoro di Perrault  è centrata sulla figura maschile e le sue declinazioni: infantile, paterna, protettiva, pericolosa, che, tradotte in personaggi sono appunto Pollicino, il Padre, l’Orchessa e l’Orco. <La convenzione teatrale per passare da un personaggio all’altro - spiega la Quinatvalla -  è rappresentata dalla velocità e dalla semplicità. I personaggi sono citati e i loro archetipi sono evocati più che interpretati. Il risultato è una compresenza o meglio una sovrapposizione di ruoli e soprattutto di pulsioni opposte, di funzioni diverse. Capita a tutti di sentirsi a volte “altro” da sé stesso: più buono o più cattivo, per esempio. Piuttosto che cercare di liberarci dalle nostre pulsioni opposte, è preferibile riconoscere che esse abitano ogni essere umano>.
Rispetto alla prima versione del 2001, quando l’attore era Valentin Rossier, co-autore del testo con Quintavalla, ora il protagonista in scena è Teodoro Bonci Del Bene, 26enne attore riminese, primo allievo italiano del Teatro d’Arte di Mosca fondato da Konstantin Stanislavskij, dove si è laureato nel 2008 dopo quattro anni di studio. Con il mitico Teatro d’Arte stanislavskiano ha lavorato in cinque produzioni e ha a approfondito il “metodo” sia nelle sue varianti classiche sia secondo Mihail Chekov, dedicando molte energie al lavoro sul corpo. Si è specializzato nel linguaggio del combattimento teatrale, delle armi e della scherma vincendo il premio Tarkanov 2008.
 
Informazioni e biglietteria 0521 992044, www.solaresdellearti.it/teatrodellebriciole.
 
 
 


Altri
3 Dicembre
CORE. DAL MITO DI PERSEFONE ALLA NA...
La storia della giovane Core rapita dal dio degli Infer...
Vedi
5 Dicembre
I GIOCHI DELL`INGEGNER CALDER
Ambientato nell`officina di uno scultore un po` strambo...
Vedi
12 Dicembre
GIOCO!
Una bambina, una palla, una bambola. Un gioco teatrale ...
Vedi
19 Dicembre
MUSICA E LETTERE DI W.A. MOZART
Un concerto di musiche di W. A. Mozart in cui un buratt...
Vedi
9 Gennaio
CANE BLU
Teatro Gioco Vita, mescolando il teatro d`ombre con que...
Vedi
16 Gennaio
I TRE PORCELLINI
La celebre fiaba dei tre Porcellini Pigro, Medio e Sagg...
Vedi
23 Gennaio
CINDERELLA VAMPIRELLA
Una rilettura del classico teatro dei burattini nel car...
Vedi
30 Gennaio
PIK BADALUK
Da un classico degli anni trenta lo spettacolo, attrave...
Vedi
6 Febbraio
LA STORIA DI HANSEL E GRETEL
La compagnia C.R.E.S.T. rivisita la celebre fiaba dei f...
Vedi
13 Febbraio
L`AGGIUSTAORSETTI
Lo spettacolo, in un`atmosfera sognante e lieve, mette ...
Vedi
20 Febbraio
VOCI
Ogni bambino ha dentro una voce. La crescita e la scope...
Vedi
27 Febbraio
COMPAGNI DI BANCO
Per bambini dai 4 anni. Un percorso sensoriale, un viag...
Vedi