Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
15 Luglio - 21:30 h.
CINEMA EDISON
LUCUS A LUCENDO. A PROPOSITO DI CARLO LEVI
Di Alessandra Lancellotti ed Enrico Masi
Altre Lingue:     

LUCUS A LUCENDO
A PROPOSITO DI CARLO LEVI

di Alessandra Lancellotti, Enrico Mas

(ITALIA, 2019 - 88`)

ALL’INTERNO DELLA RASSEGNA DOC IN TOUR

IN COLLABORAZIONE CON FICE EMILIA ROMAGNA

Mercoledì 15 luglio, 21.30
 

ALLA PRESENZA DEI REGISTI

 

Tra il genere biografico e creativo, il documentario è l’incontro delle diverse traiettorie di vita, di tempo e di espressione artistica di Carlo Levi, personalità angolare del Novecento italiano ed europeo. Un uomo che ha contributo alla complessa storia d’Italia tra il fascismo e il dopoguerra.
Carlo Levi è ugualmente scrittore e pittore. Nato a Torino nel novembre del 1902, nel 1923 espone i suoi primi quadri alla Biennale di Venezia facendosi portatore di spicco di una pittura incentrata sulla forza del colore che rifiuta la falsa classicità e la monumentalità della produzione artistica fascista. Simultaneamente, il suo impegno lo avvicina a Piero Gobetti e alla prima formazione nettamente antifascista e liberale. Emigrato in Francia, torna clandestinamente in Italia dove collabora con la rivista “Lotta politica”. Nel 1934 viene arrestato e un anno dopo confinato in un borgo lucano. Il film ne racconta l`attualità e il profondo universo culturale, sociale e politico. 

Con l’espressione Lucus a non lucendo, «bosco della non luce», Carlo Levi descrive il paesaggio conosciuto durante il suo confino in Basilicata. A distanza di due generazioni, Stefano Levi Della Torre intraprende un viaggio nei luoghi della vita pubblica di Carlo. I compagni di viaggio sono Carlo Ginzburg e Alessandra Lancellotti, che incarna un nuovo discepolo, ruolo che Stefano aveva ricoperto con Carlo. Il documentario è un confronto dialettico che alterna il paesaggio pittorico a quello memoriale, per divenire opera a sé stante in cui uno dei capolavori dell’antropologia italiana, Cristo si è fermato a Eboli, trova una nuova traduzione cinematografica.