Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
MAY DAYS 2019
Dal 2 al 5 maggio, con un`anteprima il 17 aprile, tanti appuntamenti per la terza edizione della ...
Appuntamenti in agenda (3)
PRODUZIONI
VAI AL CATALOGO ONLINE
Découvrez tous les productions du Teatro delle Briciole...
Tutte le Produzioni
FORMAZIONE
STATI TEATRALI
Laboratori di pratica teatrale a cura di Elisa Cuppini e Savino Paparella
3 Marzo - 16:30 h.
OGGI. FUGA A QUATTRO MANI PER NONNA E BAMBINO
Per bambini dai cinque anni. Oggi racconta la storia dell’amicizia avventurosa tra un bambino e un’anziana signora che senza saperlo si stanno cercando. La storia dell’incontro tra due generazioni lontane, oggi più lontane di un tempo, che si prendono per mano e ricominciano a camminare insieme.
Altre Lingue:     
3 marzo ore 16.30  
Compagnia Arione de Falco
OGGI
Fuga a quattro mani per nonna e bambino
di e con Annalisa Arione e Dario de Falco
dai 5 anni

Lo spettacolo racconta  un incontro tra generazioni lontane. Marco ha sette anni, un giorno è così arrabbiato che scappa di casa. Lina i suoi sette anni li ha compiuti almeno dieci volte ma anche lei è scappata.

Questa è l’avventurosa e rocambolesca fuga a quattro mani di un bimbo e di un’anziana signora che senza saperlo si stanno cercando. È la storia di due generazioni lontane che si prendono per mano in una notte di luna, iniziano a camminare insieme e a riempire la memoria d`amore e giochi, il presente di divertimento e il futuro di “sono qui per te”.

Nel corso degli ultimi decenni le relazioni intergenerazionali in Europa sono profondamente mutate: i cambiamenti sociali, economici, culturali e demografici hanno contribuito a modificare la struttura e le abitudini delle famiglie, portando, tra le conseguenze più evidenti, ad una crescente separazione tra le generazioni: gli anziani vivono più a lungo ma spesso isolati o lontani dal resto della famiglia. I bambini crescono generalmente in cerchie familiari più ristrette, con scarse opportunità di contatto con i parenti più anziani. Aumenta la frequenza ai servizi pre e post-scuola, cresce il numero di degenze in centri diurni e case di riposo.

La trasmissione del patrimonio storico e culturale, l’opportunità di apprendimento e la costruzione di solidarietà tra le generazioni ridefiniscono i propri confini e modalità.

da una storia di Annalisa Arione
di e con Annalisa Arione e Dario de Falco
in collaborazione con Annalisa Cima
musiche di Enrico Messina