Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 5 Novembre al 26 Aprile
UN POSTO PER I RAGAZZI 18.19
Tutto il programma della nuova stagione di teatro per le scuole
PRODUZIONI
VAI AL CATALOGO ONLINE
Découvrez tous les productions du Teatro delle Briciole...
Tutte le Produzioni
FORMAZIONE
STATI TEATRALI
Laboratori di pratica teatrale a cura di Elisa Cuppini e Savino Paparella
23 Febbraio - 21:00 h.
TEATRO AL PARCO
TRATTATO DI ECONOMIA
Cabaret, danza d`autore e narrazione parodizzati e demistificati in una surreale satira del denaro, del consumo e dei mille conformismi che ci dominano senza che ce ne accorgiamo
Altre Lingue:     

23 febbraio ore 21
Aldes
TRATTATO DI ECONOMIA
Coreocabaret confusionale sulla dimensione economica dell`esistenza

progetto, drammaturgia, regia ROBERTO CASTELLO e ANDREA COSENTINO
interpreti ROBERTO CASTELLO, ANDREA COSENTINO
assistente ALESSANDRA MORETTI
direzione tecnica LUCA TELLESCHI
videopartecipazione straordinaria ATTILIO SCARPELLINI
realizzazione oggetti di scena PAOLO MORELLI
produzione ALDES - in collaborazione con Sardegna Teatro
con il sostegno di MIBACT/Direzione Generale Spettacolo dal vivo, REGIONE TOSCANA/Sistema Regionale dello Spettacolo
un ringraziamento a GIORGIO ANGELO LAZZARINI

Salutato da un caloroso consenso di pubblico all’ultima edizione di Insolito Festival, Trattato di economia mescola  e fa esplodere il cabaret, la narrazione, la danza d’autore, per analizzare e smontare, con le armi del paradosso e di una caustica vena surreale, le false verità del conformismo ideologico imperante, che dal dominio della finanza, del mercato e del consumo sconfina nelle sottili imposizioni della società dello spettacolo. 

Trattato di Economia è l`incontro fra due artisti diversi per generazione, ambito, formazione e percorso artistico, che per caso un giorno hanno scoperto di covare lo stesso desiderio: realizzare uno spettacolo sulla scienza che vuole liberare l`umanità dalla schiavitù del bisogno. Dopo oltre un anno di letture, incontri, dubbi, entusiasmi e crisi il progetto prende una forma nella quale economia, arte e morale si aggrovigliano con esiti paradossali.
Il risultato è un progetto performativo tra parola e gesto che si interroga sul denaro, sul suo valore, sulla sua invadente onnipresenza e sulla sua sostanziale mancanza di rapporto con la realtà.
Porsi ai margini del contratto per renderne palesi i paradossi inventando situazioni limite e domande inappropriate è il modo per riprendere possesso, almeno simbolicamente, di ciò che non si capisce e non si controlla annientandolo con una risata liberatoria.