Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
4 Giugno - 17:30 h.
PARMA (E Pò Pù)
Sabato 4 giugno alle ore 17.30 ritorna il passo a due voci di Paolo Nori e Giancarlo Ilari, Parma (e pò pù), divertente, ironico, provocatorio, a tratti nostalgico.
Altre Lingue:     
PARMA (e pò pù)
reading con
Paolo Nori e Giancarlo Ilari...

ideazione e cura di
Raffaella Ilari

SPI CGIL PARMA e SPI CGIL MONTANARA
in collaborazione con Fondazione Solares delle Arti
Cinema Edison - Parma
(L.go 8 Marzo)
sabato 4 giugno ore 17.30

ingresso gratuito

Ritorna il passo a due voci di Paolo Nori e Giancarlo Ilari, Parma (e pò pù), divertente, ironico, provocatorio, a tratti nostalgico.

Paolo Nori, nato a Parma nel 1963, legge alcune pagine tratte dai suoi libri: Si sente?, La meravigliosa utilità del filo a piombo, Si chiama Francesca, questo romanzo, Grandi ustionati, La piccola Battaglia portatile, Manuale pratico di giornalismo disinformato.

Giancarlo Ilari, nato a Parma nel 1927, interpreta la Parma gloriosa e antifascista, la Parma dei borghi e delle Osterie, con la lettura di appunti autobiografici e di frammenti di pagine di Bruno Barilli, Pino Cacucci, Giacomo Ferrari, di poesie in dialetto di Renzo Pezzani e Alfredo Zerbini.

Il soggetto è Parma attraversata da due sguardi lontani anagraficamente ma uniti dallo stesso amore per la propria città osservata nelle sue trasformazioni.
Se la voce di Ilari rievoca la bèla genta di Parma dalla sinistra inclinazione musicale, Paolo Nori legge se stesso in un tempo presente o rivolto ad un passato recente.

Passato e presente, dialetto e lingua, si mescolano in un gioco alternato delle due voci, in una riflessione poetica (e politica) della nostra città.

INFO
Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.
Per info e prenotazioni cell.347-8034093