Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
I SOGNATORI AD ASTITEATRO
Applaudita la nuova produzione firmata da Manuela Capece e Davide Doro che è stata ospite il 29 ...
Appuntamenti in agenda (1)
12 Dicembre - 21:00 h.
TEATRO AL PARCO
LA MALEDIZIONE DEI PURI
Fuori programma. La compagnia Origamundi in un racconto per parole e musica dell`Italia di oggi dove le idee di Pasolini e De André si incarnano in dieci casi di cronaca, in dieci "cristi", da Federico Alrovandi a Eluana Englaro, che mostrano la doppia morale italiana, clemente coi ricchi e dura coi poveri
Altre Lingue:     
12 dicembre ore 21

Origamundi
LA MALEDIZIONE DEI PURI 
Se Pasolini e De André 

Di e con Francesca Falchi e Guido Maria Grillo 
Costumi Salvatore Aresu 
Luci Ivano Cugia 
Organizzazione Laura Picciau 
Foto di scena Giuseppe Kotzia 
Promozione Alessia Grillo 

IL PROGETTO 
Tra Pasolini (1922) e Fabrizio De André (1940) vi sono quasi vent’anni di differenza.  Marxista rivoluzionario l’uno, anarchico e libertario l’altro. Uniti nell’intenzione (la critica alla società capitalista ed alla borghesia) ma divisi nell’azione (per Pasolini il popolo deve recuperare la sua funzione di soggetto agente nella Storia, mentre De André si “limita” a dare voce al sottoproletariato degli emarginati, degli “esclusi”). Questa dicotomia sembra però risolversi in quello che de André definisce “il più grande rivoluzionario di tutti i tempi”: Gesù Cristo. 
La spiritualità di Pasolini, attraversata dalla nostalgia del mitico, dell’epico e del sacro espressa ne Il vangelo secondo Matteo (“il più rivoluzionario di tutti gli evangelisti”) si incontra con la “pietas” laica di De André, che si identifica con un’etica dell’umano, come descritta nell’LP La buona novella (1970). Il Gesù di Pasolini-De André accoglie i poveri, i diseredati, gli emarginati e attraverso la sua Parola “rivoluzionaria” li incita a prendere coscienza dei soprusi e degli abusi perpetrati dal Potere: la sua crocifissione è la crocifissione di una Verità scomoda. A partire da questa “idea unitaria di Cristo” e dalla visione del reale espressa dai due artisti, il progetto si propone di raccontare una serie di fatti di cronaca avvenuti nell’Italia a cavallo tra il XX ed il XXI secolo: una drammaturgia dove il linguaggio poetico si interseca con quello musicale, dove il Cristo di Pasolini-De André si incarna in 10 “figure” incastonate nei 10 Comandamenti appositamente reinterpretati. 10 personaggi (da Federico Aldrovandi a Rita Atria, da Padre Pino Puglisi a Donatella Colasanti passando per Eluana Englaro ed altri ancora) la cui “crocifissione” ha rivoluzionato (nel bene e nel male) il sentire comune di un Italia sempre più farisea, dove la morale clemente è per i ricchi e il rigore intransigente per i poveri. 
I Cristi -raccontati da Francesca Falchi e Guido Maria Grillo - sono figure reali e terrene nei quali il divino è scintilla intrinseca all’umano. Non c’è niente di trascendentale che li faccia risorgere: solo la memoria ne tiene vivo il ricordo. La drammaturgia sottolinea l’urbanicità di queste figure, l’inserimento in un quotidiano che li distrugge perché non li comprende né accoglie; perché la loro “purezza” disarticola l’impalcatura che sostiene interessi politici religiosi e sociali, dei contemporanei i cui comandamenti sono ineludibili e disumani. 

Intero 12 euro 
Ridotto 10 euro* 
Studenti 5 euro 
*Chi prenoterà il biglietto entro il giorno 11 Dicembre 2015 avrà diritto ad una 
riduzione di due euro sul prezzo intero. 

Info e prenotazioni 
Referente Alessia Grillo 
3458413743