Teatro delle Briciole
Informazioni
Teatro al Parco
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Parco Ducale 1,
43100 Parma (IT)
AGENDA
1 Ottobre
TRADIMENTI
Una delle opere chiave di Harold Pinter. I tradimenti che avvengono in scena ci spingono a pensar...
Appuntamenti in agenda (6)
RASSEGNE E FESTIVAL
Dal 1 Ottobre al 19 Dicembre
STAGIONE OTTOBRE - DICEMBRE 2021
Teatro di figura, circo, prosa, danza. La nuova stagione del Teatro delle Briciole unisce con n...
Tutte le rassegne e festival (1)
24 Settembre - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
FEDELE ALLA LINEA
A grande richiesta riproponiamo il documentario di Germano Maccioni su Giovanni Lindo Ferretti che quest`estate aveva registrato il tutto esaurito.
Altre Lingue:     
Martedì 24 settembre, ore 21.15
FEDELE ALLA LINEA

Regia:Germano Maccioni
Sceneggiatura:Germano Maccioni
Musiche:CCCP, CSI, Lorenzo Esposito Fornasari
Anno: 2013
Nazione: Italia
Distribuzione: Cineteca di Bologna
Produzione: Articolture in associazione con Apapaja
Durata: 74 min
Genere: documentario

Giovanni Lindo Ferretti, persona pubblica e uomo privato, negli anni disorienta fan e opinione pubblica manifestando un pensiero libero e forte, senza sottrarsi a critiche e fraintendimenti. Un dialogo intimo tra le mura di casa che ripercorre un intero arco esistenziale: dall’Appennino alla Mongolia, attraversando il successo, la malattia e lo sgretolarsi di un’ideologia. Il ritorno a casa infine, tra i suoi monti, per riprendere le fila di una tradizione secolare. Sullo sfondo il suo ultimo ambizioso progetto, Saga. Il Canto dei Canti, opera epica equestre che narra il legame millenario tra uomini, cavalli e montagne.
Fedele alla linea è un dialogo, basato su un’alchimia tra soggetto e regista che permette di intravedere quegli spazi, fisici e non, abitualmente celati, che restituiscono prospettive inusuali sulla persona. Pensiero politico-intellettuale e attitudine punk, cristianesimo e comunismo, musica popolare e letture salmodianti, palcoscenico e stalla: questioni esistenziali e storie famigliari che tratteggiano un percorso anticonformista, coerentemente controcorrente.

Germano Maccioni nasce a Bologna nel 1978. Regista e attore, lavora in teatro e al cinema fra gli altri con Giancarlo Cobelli, Kim Rossi Stuart, Franco Branciaroli, Giorgio Diritti, Franco Maresco. Tra il 2007 e il 2008 realizza Lo Stato di Eccezione. Processo per Monte Sole 62 anni dopo, film-documentario sul processo per la strage di Monte Sole, presentato, tra il 2008 e il 2009 in numerosi festival nazionali e internazionali, tra cui le Giornate degli Autori al Festival di Venezia, fino ad ottenere la pubblicazione in dvd curata da Cineteca di Bologna e l’acquisto televisivo da parte della RAI. Nel 2009 firma My main man. Appunti per un film sul jazz a Bologna. Nel 2011 dirige Roberto Herlitzka, Angela Baraldi e Tatti Sanguineti in Cose naturali, il suo primo cortometraggio di finzione, che si aggiudica oltre venti riconoscimenti, tra cui il Premio Antonioni per la miglior regia al Bif&st ��" Bari International Film Festival, la selezione ai Nastri d’Argento e la qualifica di Film d’Essai dal Mibac. Nel 2012 esce I giorni scontati, documentario girato interamente in un carcere.