Cinema
Informazioni
Cinema Edison
Pianta
Biglietteria
Contatti
Come raggiungerci
Largo Otto Marzo, 9/a
43100 Parma (IT)
Dal 8 Maggio al 5 Giugno  - 21:15 h.
CINEMA EDISON D'ESSAI
NO - I GIORNI DELL`ARCOBALENO
Fino al 5 giugno il film che racconta come i cileni sconfissero il dittatore Pinochet nel 1988.
Altre Lingue:     
9, 10, 11, 12, 15, 16, 17, 18, 19, 22, 23, 24, 25, 26, 29, 30, 31 maggio,  1, 2, 5 giugno ore 21.15
13, 14, 20, 21, 27, 28 maggio, 3 e 4 giugno:  riposo

NO - I GIORNI DELL`ARCOBALENO

Regia:Pablo Larrain
Sceneggiatura:Pedro Peirano
con
Gael García Bernal
Alfredo Castro
Antonia Zegers
Marcial Tagle
Luis Gnecco
Diego Muñoz
Néstor Cantillana
Alejandro Goic
Jaime Vadell
Manuela Oyarzún

Titolo originale: No
Anno: 2012
Nazione: Cile / Francia / Stati Uniti d`America
Distribuzione: Bolero Film
Durata: 118 min
Data uscita in Italia: 09 maggio 2013
Genere: drammatico

Esce giovedì 9 maggio nelle sale italiane e lo stesso giorno in esclusiva al Cinema Edison di Parma ``NO``, il film di Pablo Larrain voluto e interpretato da Gael Garcia Bernal che ricostruisce una delle pagine piu` spettacolari della democrazia contemporanea (lunedì e martedì chiuso per riposo, biglietto speciale 3 € fino al 16 maggio per la festa del cinema, 0521 964803, www.solaresdellearti.it). Nel 1988 il dittatore cileno Augusto Pinochet decise di indire un referendum popolare per garantirsi altri sette anni di potere. Contro ogni previsione, il fronte del no vinse e il giovane pubblicitario che aveva ideato la campagna contro Pinochet divenne suo malgrado una sorta di eroe nazionale.

Nel 1988 il dittatore militare cileno Augusto Pinochet, cedendo alle pressioni internazionali, indice un referendum sulla sua presidenza. Il popolo deve scegliere se lasciarlo o meno al potere per altri otto anni. I leader dell’opposizione, propugnatori del «no», incaricano il giovane pubblicitario René Saavedra di dirigere la loro campagna. Contro ogni probabilità, con le scarse risorse a disposizione e sotto l’occhio vigile dei tirapiedi del regime, Saavedra e collaboratori concepiscono un piano audace per vincere le elezioni e liberare il paese.